• UN'ECONOMIA AD EMISSIONI RIDOTTE CON PANOLIN

 

 

Il primo obbiettivo dichiarato della COP 26 - la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si è svolta a Glasgow dal 31/10 al 12/11 - è 

Azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050 e puntare a limitare l’aumento delle temperature a 1,5°C

L'azzeramento delle emissioni è ormai un leit motiv che si ripropone da anni  ma che nonostante l'urgenza e la gravità della situazione globale, non si riesce a realizzare: troppo grande l'impegno richiesto per trasformare l'attuale moldello di sviluppo economico, troppi i vantaggi a cui dovrebbero rinunciare molti colossi industriali, troppo onerosi gli investimebnti richiesti per un cambiamento davvero sognificativo. 

Un'accordo "soddisfacente" non è stato trovato nemmeno al termine dell'appuntamento di quest'anno, soprattutto per l'opposizione di nazioni che basano ancora la loro economia e la loro produzione industriale su fonti minerali, 

Eppure il cambiamento c'è, la volontà di cambiare c'è e si sta traducendo in azioni: è un movimento che parte dal basso, che cresce lentamente a prescoindere dall'esito di questi grandi summit , che è frutto di scelte individuali, sempre più incisive. La politica d'altra parte ne è consapevole, essendo - o dovendo essere - la politica espressione della volontà dei cittadini: si stanno moltiplicando e rafforzaando infatti misure di intervento a sostegno di modelli di sviluppo sostenibili, basati sul concetto di economia circolare,di  tecnologie innovative e a basso impatto ambientale, di materiali non inquinanti concepite per ridurre lo spreco di risorse e con maggiore durata utile. 

Questo fenomeno riguarda ormai tutti gli aspetti si adella vita sia dell'industria: riguarda anche il settore della lubrificazione industriale.

Da anni sono presenti nel mercato  oli, fluidi idraulici e grassi ecologici e biodegradabili, frutto di una tecnologia complentamente rivoluzionaria, a base di esteri saturi e con caratteristiche tecniche tali da renderli di gran lunga più adatti degli oli minerali ad applicazioni industriali che richiesdono prestazioni e affidabilità superiori. 

PANOLIN, in questo contesto, è il leader affermato nella produzione di lubrificanti ecologici ad alte prestazioni per le applicazioni della moderna industria.

PANOLIN ha investito nelle tecnologie sostenibili fin da tempi non sospetti, ha scelto di intraprendere un percorso rivoluzionario e coraggioso in un'epoca in cui la protezione dell'ambiente non era avvertito come un tema davvero urgente. 

Oggi PANOLIN vanta una produzione all'avanguardia unica nel suo settore, riconosciuta da centinaia di costruttori OEM in tutto il mondo e può aiutare le aziende ad attuare la TRANSIZONE ECOLOGICA grazie al una tecnologia in linea con le più stringenti normative in questo senso. 

PERCHE’ SCEGLIERE I LUBRIFICANTI BIODEGRADABILI PANOLIN ?

· CONFORMI AI C.A.M. (Criteri Ambientali Minimi) richiesti nelle gare d’appalto ( D.Lgs 56/17-DM 11 ott 17-DM 63 giu 21)  

· IN LINEA CON GLI OBBIETTIVI DI TRANSIZIONE ECOLOGICA per l’ottenimento dei benefici fiscali previsti  (178 del 30/12/20 art.1  commi dal 1051 a 1063)  

· LONG LASTING: vita operativa estremamente lunga, con lunghi intervalli di tempo tra un cambio olio ed il successivo

Allega al tuo progetto di TRANSIZIONE ECOLOGICA il prospetto GREENMACHINE di PANOLIN: ti potrà aiutare ad accedere ai benefici fiscali previsiti dalla vigente normativa ! 

 

 CONTATTCI PER SAPERE COME I LUBRIFICANTI PANOLIN POSSONO AIUTARE LA TUA AZIENDA A REALIZZARE LA TRANSIZIONE ECOLOGICA E ACCEDERE A TUTTE LE OPPORTUNITA' CHE COMPORTA !